Plagio: cosa fare se il plagiante si rifiuta di rimuovere il post?

E’ la prima volta che mi succede una cosa del genere.
Non è la prima volta che qualcuno copia parte o tutto il contenuto di un mio articolo senza citare la fonte.
Spesso capita, come qualche giorno fa, che qualcun altro me lo fa notare.
Ho sempre inviato una cortese email chiedendo di rimuovere il post incriminato e più o meno tempestivamente l’autore del plagio ha provveduto, scusandosi dell’accaduto.
Ora, capita che un mio post risalente al 21 febbraio, Monsignor Paolo Rigon: ignoranza è male da guarire, sia stato copiato in questo blog: http://www.cameraconsvista.it/2011/02/22/salviamo-il-prelato-rigon/
La data e l’ora del plagio sono queste, come da istantanea (non si sa mai…):


Ho scritto all’autore, tale Hugo Proff alias Roberto Schinco, invitandolo a cancellare il post.
Ieri, non avendo ricevuto risposta e constatando che l’articolo copiato fosse ancora presente sul suo blog, ho anche ribadito la mia richiesta commentando su di esso.
Stamani, con mia grande sorpresa, vedo che il mio commento è stato cancellato e trovo sul blog di questo signore, che sbandiera di scrivere sul Fatto quotidiano, tale delirante post:
In sintesi, secondo il tipo, io avrei plagiato lui e poi cambiato la data.
Ripeto, è la prima volta che mi capita qualcosa del genere e sono rimasto veramente allibito.
Il fatto – quotidiano o meno – è che il mio articolo (a parte la data della Newsletter, il gruppo Storie e Notizie su Facebook, ecc.) non solo l’ho pubblicato il giorno prima di lui (ore 15.59) ma subito dopo l’ho postato come sempre su OkNotizie e su Blog News.
Oltretutto, su quest’ultimo è attualmente tra i post più apprezzati, in testa nella top della settimana. Quindi sotto gli occhi dei vari testimoni che l’hanno letto e votato.
Cosa fare se il plagiante insisterà nella sua quanto mai disonesta posizione?

Condividi questo articolo:
Condividi su FacebookCondividi su OKNotizieCondividi su TwitterCondividi su FriendfeedCondividi su Google

Sharethis